Un aeromobile a pilotaggio remoto o APR, comunemente noto come drone, è un velivolo caratterizzato dall’assenza del pilota umano a bordo. Il suo volo è controllato dal computer a bordo del velivolo, sotto il controllo remoto di un navigatore o pilota, sul terreno o in un altro veicolo. L’inclusione del termine aeromobile sottolinea che, indipendentemente dalla posizione del pilota e/o dell’equipaggio di volo, le operazioni devono rispettare le stesse regole e le procedure degli aerei con pilota ed equipaggio di volo a bordo. Il loro utilizzo è ormai consolidato per usi militari e crescente anche per applicazioni civili, ad esempio in operazioni di prevenzione e intervento in emergenza incendi, per usi di sicurezza non militari, per sorveglianza di oleodotti, con finalità di telerilevamento e ricerca e, più in generale, in tutti i casi in cui tali sistemi possano consentire l’esecuzione di missioni “noiose, sporche e pericolose” (dull, dirty and dangerous) spesso con costi minori rispetto ai velivoli tradizionali. Sono noti anche attraverso altri acronimi, molti dei quali di derivazione anglosassone: oltre a RPA (Remotely piloted aircraft) possono essere indicati come UAV (Unmanned aerial vehicle), RPV (Remotely piloted vehicle), ROA (Remotely operated aircraft) o UVS (Unmanned vehicle system), ecc.

drone_2
drone

Grazie all’evoluzione della tecnologia che ha permesso la nascita di droni sempre più piccoli e discreti e dotati di sistemi di ripresa video e audio, è possibile il loro utilizzo in sistemi di videosorveglianza e di ricerca, nei casi in cui l’intervento diretto dell’uomo sia rischioso (zone disastrate o difficili da raggiungere) o nei casi in cui sia necessaria una certa “discrezione” nell’effettuare le riprese (ad esempio nelle operazioni di sorveglianza e di ricerca).

MENDOLA INVESTIGAZIONI

mendola investigazioni logo sticky

CONTATTACI